Normativa

Elenchiamo qui di seguito alcuni esempi di norme in ambito di abbattimento delle barriere architettoniche.

  • Sanzioni previste a carico del progettista, del responsabile del procedimento, del direttore dei lavori e del collaudatore ai sensi dell’Art. 24.7 della Legge 104/1992.
  • Responsabilità del progettista per falsa asseverazione ai sensi dell’Art. 20, comma 1 e 2 del D.P.R. 503/1996, nel caso in cui nella relazione ivi prevista ometta la precisa indicazione “degli accorgimenti tecnico-strutturali ed impiantistici e dei materiali previsti” per l’eliminazione delle barriere percettive per i disabili visivi.
  • Possibile declaratoria di nullità ex Art. 1418 C.C dei contratti di appalto i cui capitolati non prevedano l’eliminazione delle barriere percettive, con conseguente responsabilità contabile degli estensori dei capitolati.
  • Responsabilità dinanzi alla magistratura contabile per i danni derivanti dai maggiori oneri conseguenti ad una tardiva messa a norma di opere eseguite in violazione della normativa sull’eliminazione delle barriere percettive per i disabili visivi.

 

  • D.P.R.  503/1996  “Regolamento  recante  norme  per  l’eliminazione  delle  barriere  architettoniche  negli  edifi ci,  spazi esercizi pubblici”
  • Legge 104/1992 “Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”
  • D.M. 236/1989 “Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifi ci privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fi ni del superamento e dell’eliminazione delle barriere architettoniche”
  • Legge  138/2001  “Classifi cazione  e  quantifi cazione  delle  minorazioni  visive  e  norme  in  materia  di  accertamenti oculistici”